Vaccinazioni pediatriche antiCovid-19: 24 motivi per dire No

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Salute
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Aggiornamento della posizione sulle vaccinazioni antiCovid pediatriche della Commissione Medico-Scientifica indipendente

Marzo 2022

Aggiorniamo il documento sulle vaccinazioni pediatriche con informazioni rilevanti comparse negli ultimi tre mesi nella letteratura scientifica, ribadendo la richiesta di un confronto sul tema con il CTS governativo.

  1. Non c’è alcuna emergenza Covid tra i bambini.

Tutti gli studi scientifici sono concordi su questo punto: se contagiati dal SARS-CoV-2, i bambini sono in genere asintomatici o con sintomi lievi.
 

  1. Da quando la variante Omicron è diventata dominante si sono registrate più infezioni tra i bambini, ma di minore gravità.

Rispetto alle infezioni da variante Delta, nella fascia sino a 5 anni si è registrata una riduzione:

  • del 29% di accessi al Pronto Soccorso
  • del 67% dei ricoveri
  • del 68% degli accessi in terapia intensiva
  • del 71% per il ricorso a respirazione assistita,

che nei bambini costituivano comunque eventi rari.
 

  1. I rischi di ricovero per Covid nei bambini sono molto ridotti.

I ricoveri in terapia intensiva sono molto ridotti: 252 su oltre 2.200.000 diagnosi di COVID-19 nella fascia pediatrica 1 su 33.000 circa, e riguardano spesso bambini con altre patologie. In Germania, tra bambini 5-11 anni senza patologie, il rischio è stato di 1 su 50.000, e nessuno è morto….
 

Rispondi