… da “Lo stato onnipotente” di Ludwig von Mises

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Libri
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

L’evento più importante nella storia degli ultimi cento anni è la sostituzione del liberalismo con lo statalismo. Lo statalismo si presenta in due forme: il socialismo e l’interventismo. Entrambi hanno in comune il fine di subordinare incondizionatamente l’individuo allo Stato, cioè all’apparato sociale di costrizione e coercizione.

Lo statalismo assegna allo Stato il compito di guidare i cittadini e di tenerli sotto tutela. Esso aspira a restringere la libertà di azione dell’individuo. Esso cerca di plasmare il suo destino e di riservare ogni iniziativa solamente allo Stato.

Lo Stato è essenzialmente un apparato di costrizione e coercizione. Il tratto caratteristico delle sue attività è quello di costringere la gente, attraverso l’applicazione o la minaccia della forza a comportarsi altrimenti da come gli piacerebbe comportarsi.”

Ludwig von Mises

Rispondi