L’Elefante nella Stanza

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Legale
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

di Alessandro Fusillo

EP.10 L’Agente segreto e la licenza di uccidere

L’ordine sociale all’interno del quale viviamo ci ha imposto un modello di interpretazione delle relazioni tra esseri umani fondato sulla differenza di classi. Ciò che alcuni possono fare è severamente vietato per gli altri. L’idea dell’agente segreto ne è la manifestazione plastica e si riconduce alla teoria della ragion di stato.

EP. 9 La Lotta di Classe

Quando Marx ed Engels scrissero nel 1848 che “la storia di ogni società sinora esistita è storia di lotta di classi” avevano ragione. Peccato che avessero sbagliato classi. Chi è contrapposto non sono i capitalisti e i proletari ma i parassiti e gli sfruttati. Un gruppo di persone che coincide in senso lato con i politici ed i governanti vive sfruttando tutti gli altri attraverso la tassazione. L’unica vera distinzione è quella tra pagatori e consumatori di imposte.

Ep. 8 La cleptocrazia

Che in parlamento e al governo vadano sempre i peggiori è una regola invariabile che l’esperienza conferma quotidianamente. Il perché è presto detto. Chi si candida a fare da legislatore o da governante vuole imporre la sua volontà alle altre persone con la forza. La concorrenza per scegliere chi meglio di tutti compirà azioni malvage porterà necessariamente alla ribalta i peggiori, quelli disposti a tutto pur di impadronirsi del potere. Ecco perché forse è più opportuno definire le moderne democrazie occidentali come cleptocrazie, i governi dei ladri.

Ep. 7 – La democrazia

Il nostro sistema di governo è il migliore di tutti oppure si tratta dell’ennesima illusione dalla quale è possibile uscire semplicemente utilizzando la logica? Davvero tre lupi e due pecore che decidono a maggioranza cosa si mangia per pranzo sono la migliore regola possibile per gestire la convivenza sociale? Continuiamo le riflessioni alla scoperta di un sempre più ingombrante elefante nella stanza.

Ep. 6 – La sovranità

La costituzione italiana afferma che la sovranità appartiene al popolo il quale la esercita nelle forme previste dalla legge. Cerchiamo di capire cosa sia la sovranità e come si tratti di un concetto derivato dal potere assoluto dei capi militari romani. Il suo passaggio all’intero popolo con la riflessione politica del ‘600 e del ‘700 ne ha determinato un accrescimento. Nell’impossibilità di far esercitare la sovranità all’intero popolo il meccanismo cui si ricorre è quello della democrazia rappresentativa in cui il potere appartiene in realtà alla maggioranza politica dei rappresentanti. Non vi è una plausibile spiegazione del perché le cose debbano necessariamente stare in questo modo. L’alternativa esiste ed è fondata sulla negazione del concetto di sovranità e su di un’organizzazione collettiva che non può esercitare poteri maggiori di quelli che già spettano a ciascuno in quanto proprietario di sé stesso e titolare del diritto alla legittima difesa.

Ep. 5 – Il contratto sociale

La mitologia politica nata dall’elaborazione di Hobbes, Locke e Rousseau ha costruito la finzione del contratto sociale. Le comunità avrebbero rinunciato alla loro libertà in cambio della sicurezza che loro fornisce l’organizzazione statale. In realtà un simile contratto non solo non esiste ma il cittadino non ha alcun mezzo, se non la ribellione, per pretendere che lo stato mantenga le sue promesse. Si tratta dell’ennesima sovrastruttura ideologica per indurre le persone ad accettare un sistema iniquo basato sullo sfruttamento.

Ep. 4 – La legge

Quarto video della serie “L’elefante nella stanza”. La legge che dovrebbe garantire l’uguale trattamento a tutti in realtà istituisce un sistema fondato sul privilegio e la discriminazione in cui un gruppo di persone può fare ciò che ad altre è vietato. Cerchiamo di capire perché e per quale ragione ciò che intendiamo come legge costituisce la contraddizione del principio di uguaglianza.

Ep. 3 Il Mandato

Terzo video della serie “L’elefante nella stanza”. Questa volta l’avvocato Fusillo approfondisce il tema – e le stranezze – del mandato politico.

Ep. 2 La mitologia dello stato

Gli stati moderni come quelli antichi si reggono su di una narrazione mitologica. Le moderne democrazie liberali sull’idea del contratto sociale e del diritto della maggioranza. Dobbiamo dare per scontate queste narrazioni oppure ci sono degli aspetti problematici sui quali interrogarsi?

Ep. 1 La ruota del criceto

Riflessioni di filosofia del diritto con l’avvocato Alessandro Fusillo. mentre imperversa la battaglia politica ed elettorale proviamo a riflettere, con questa serie di video, sulla domanda centrale: come siamo arrivati a tutto questo? Perché il sistema si è trasformato in una macchina di oppressione? Che fare?

Rispondi